I segni del motociclista

Sicurezza – I Segni del motociclista

 

La storia del saluto tra motociclisti

 
  Antico gesto che pare risalga al tempo in cui i cavalieri cavalcavano ancora un solo cavallo per volta e in carne ed ossa. La leggenda narra infatti di un cavaliere solitario in sella al suo destriero da non si sa quanti giorni, che percorreva in salita un sentiero di montagna in una tranquilla giornata di sole. In alcuni tratti egli godeva nello spronare il suo cavallo per sentire il vento attraverso le fessure della sua armatura per poi rallentare e godersi i rumori del bosco che attraversava. Intanto più in alto e più in là verso l'orizzonte si scorgevano già le torri del castello dove era diretto. Al cavaliere si illuminarono gli occhi dalla gioia. Quand'ecco scorgere in lontananza ed in direzione contraria la figura di un altro cavaliere che si avvicinava anch'egli felice. Quando i due si incrociarono, quello proveniente dal castello, sollevando una mano e con l'indice ed il medio disposti a "V", esclamò: "Mi spiace amico, arrivi tardi, la principessa me la sono già ... io!" e si allontanò al galoppo.
Ecco quindi come è giunto fino a noi, cavalieri motorizzati di oggi, il gesto di salutarsi con le classiche dita a "V", poiché quello che non saluta, automaticamente personifica il cavaliere cornuto.
 
 

Segnali e Segni

 

Il linguaggio non verbale dei motociclisti


Per comunicare tra di loro motociclisti utilizzano i segni, per conoscerne il significato ecco il "dizionario" dei segni.

Saluto tradizionale

  Il primo saluto tra motociclisti, si fa quando ci si incrocia, consiste in un segno fatto con la mano sinistra.
In genere si fa tenendo le dita a "V". È un segnale mitico nato negli anni ’70. Spesso è condiviso perfino da Customisti e BMWisti. Senza staccare la mano dal manubrio, si alzano due dita, di solito indice e medio. Braccio teso verso il basso e dito indice che punta verso il basso. È il saluto di tendenza. Particolarmente diffuso tra i motociclisti su moto supersportive. Mano aperta e palmo rivolto frontemarcia: un classico molto amichevole e confidenziale, frequente tra motociclisti che appartengono allo stesso "branco" in particolare tra Guzzisti e BMWisti, due "razze" in conflitto tra loro nonostante le somiglianze, e con un forte senso di appartenenza al marchio.


Saluto in sorpasso

  Il saluto con la mano sinistra viene sostituito con un segno del piede destro in occasione di un sorpasso ad altri motociclisti. In accelerazione durante un sorpasso questo saluto permette di evitare di lasciare il manubrio, la sicurezza prima di tutto!
Questo segno è utilizzato anche per ringraziare gli automobilisti che favoriscono il sorpasso; spesso, viene confuso con il classico calcio nella portiera, per cui fate attenzione molti potrebbero interpretarlo male.
Nelle uscite di gruppo questo segnale (da ripetersi a domino tra tutti i partecipanti), indica un ostacolo nelle immediate vicinanze dello spazio di transito del gruppo. Ripetetelo per avvisare per tempo utile chi vi segue.

Cenno con la testa
I primi due segnali sono spesso sostutuiti da un cenno con la testa, sopratutto in città altrimenti uno passerebbe tutto il tempo con le mani alzate a scapito della sicurezza!

Chi non si saluta
I motociclisti non salutano mai gli Scooteristi. In alcuni casi succede che gli scooteristi salutino i motociclisti, ma potrebbero essere motociclisti che ogni tanto viaggiano con lo scooter e per abitudine salutano; anche se generalmente un motociclista con lo scooter fa di tutto per non farsi riconoscere.
Spesso gli harleysti salutano solo altri fedeli alla casa di Milwaukee. Di solito non snobbano solo gli altri motociclisti ma anche i customisti non su harley bensì su moto giapponesi.
I crossisti durante i tragitti di trasferimento stradale non salutano quasi mai.
Gli enduristi tendono a salutare solo altri enduristi, ma questo è difficile da verificare perché a causa dei paramano è impossibile capire se salutano oppure no.
I BMWisti in alcuni casi, peccando di snobbismo, non salutano affatto, oppure fanno un cenno impercettibile solo agli altri BMWisti. È però un fenomeno in via di estinzione, perché li si vedono sempre di più salutare con entusiasmo.
 

Segni per la circolazione


Segnalare incidenti nella carreggiata a voi contraria ai motociclisti che incrociate è un obbligo. Per segnalare incidenti o pericoli è diffuso il lampeggiare... quando i motociclisti (oltre a lampeggiare) hanno le solite due dita contro la visiera all'altezza degli occhi.... ATTENZIONE, vi stanno segnalando un posto di blocco!
 

Fermarsi / Alt / Stop
 

Rallentare "palmo della mano verso la strada e braccio che si abbassa e si alza"
 

Seguire
 

Passare davanti / Sorpassare
 

Disporsi in una colonna
Facendo ruotare la mano con l'indice aperto si indica anche di effettuare un'inversione
 

Disporsi in due colonne
Attenzione! Le dita che si mostrano sono l'indice e il mignolo, non confondete il significato di questo gesto "fatto in moto" con quello...molto più diffuso!
 

Spegnere gli indicatori di direzione
Per segnalare che un altro motociclista ha dimenticato la freccia inserita, aprire e chiudere la mano ritmicamente"
 

Accendere le luci
Per segnalare che un altro motociclista ha dimenticato di accendere le luci, toccare con la mano il casco più volte"
 
Pericolo sulla carreggiata
le strade sono spesso pericolose per le moto, e in caso di perdita di aderenza a causa di sabbia, olio, brecciolino è cortese verso chi segue segnalarlo facendo strisciare un piede a terra.  Tra i segni preventivi è buona norma indicare a chi segue ostacoli imprevisti come buche, tombini aperti, tramite un segno della mano, questo segnale completa quello precedente e può essere fatto assieme.
 

Segni per le soste


È consigliabile partire riposati e fermarsi al primo segnale di sonno (occhi che sbattono, vista appannata).
I test, confermano che prima di addormentarsi si sperimentano dei periodi di sonno di qualche decimo di secondo, sufficienti però a rendere “definitivo” ogni viaggio, è prudente quindi fermarsi il prima possibile!
Meglio non sperimentare la propria resistenza ai colpi di sonno perché "quelli", democraticamente, tratta tutti al medesimo modo.
 
Questo segno con l'indice indica che si esce (autostrada: prossima uscita o area servizio) oppure che si svolta alla prossima intersezione. Un buon sistema per segnalare la prossima sosta consiste nel mettere la freccia e segnalare con la mano il cartello che indica, la prossima stazione di servizio, la prossima uscita, il cambio del limite di velocità imposta, etc.
 
Se vi trovate in riserva e avete urgenza di benzina potete segnalarlo con il pollice o l'indice rivolto verso il serbatoio, questo indicherà agli altri di fermarsi assolutamente alla prossima stazione di servizio.
A questo punto potete usare il segnale precedente per comunicare la sosta impellente.
 
Quando non è il serbatoio che si svuota, è lo stomaco che chiede il pieno!
Un piccolo segno con la mano aperta dal basso verso l’alto in direzione della bocca sarà facilmente comprensibile da tutti. In caso di “sete” intensa il pugno chiuso e il pollice verso la bocca sostituiranno la mano aperta per segnalare “Fermiamoci a Bere”.
 
Quando siete voi ad avere bisogno di svuotare, si fa il segno con il pugno chiuso per indicare la pausa wc.
visit.42826LOGIN

GALLERIA Le cartelle della galleria contengono le immagini
che si possono visualizzare e scaricare

 
Navigazione limitata
Il server di < corsimoto.ch > considera questa visita come parte del processo automatico di indicizzazione del sito, oppure non ha potuto identificarne l'origine.
Per alleggerire il carico di lavoro ed evitare abusi, i comportamenti dinamici del sito sono stati disabilitati.
Per accedere alla versione completa del sito è necessario usare un browser che si identifichi correttamente tramite l'user agent.

Grazie per la comprensione.

pk.pikappa.ch

pk.pikappa.ch
phi.pikappa.ch